Al momento stai visualizzando Come celebrare il San Valentino cinese

Come celebrare il San Valentino cinese

0 Condivisioni

Il Qixi Festival è una delle feste tradizionali cinesi, ed è anche noto come il giorno di San Valentino cinese. È basato su una leggenda romantica che parla di una ragazza tessitrice e un pastore di buoi.

Cade il 7° giorno del 7° mese lunare cinese. Nel 2022 è il 4 agosto.

La festa è stata celebrata sin dalla dinastia Han (206 a.C. – 220 d.C.). Il 20 maggio 2015, il Qixi Festival, è stato aggiunto alla lista del patrimonio culturale nazionale dal Consiglio di Stato cinese.

Usanze tradizionali del Qixi festival

1. Mostrare le proprie abilità era l’usanza più popolare per le donne la sera di Qixi. Il modo migliore per dimostrare abilitù era infilare rapidamente un ago al chiaro di luna. Le giovani donne scolpivano anche fiori esotici, animali e uccelli insoliti, di solito su una buccia di melone.

2. Adorare la fata tessitrice (la stella Vega) prevedeva una tavola di offerte: tè, vino, frutta, longan, datteri rossi, nocciole, arachidi e semi di melone. La sera le giovani donne sedevano intorno al tavolo, mostrando i loro ricami, guardando Vega e pregando per un buon marito e una vita felice. Poi giocavano o leggevano poesie fino a mezzanotte.

3. Onorare i buoi: i bambini raccoglievano mazzi di fiori selvatici e li appendevano alle corna dei buoi in onore del leggendario bue.

4. Le persone preparavano e mangiavano ‘Skill Fruit’: pasticcini fritti e sottili di diverse forme.

Come viene celebrato il festival di Qixi

Il Double Seven Festival (Qixi) è il più romantico dei festival tradizionali cinesi e dalla globalizzazione della Cina, è diventato noto come il “San Valentino cinese”.

Oggi le persone celebrano il San Valentino cinese regalando fiori, cioccolatini e altri regali ai loro innamorati, invece di seguire le usanze tradizionali.

Sebbene nelle città cinesi, il giorno di San Valentino occidentale sia ora più popolare di Qixi tra i giovani, la leggenda romantica di Niulang e Zhinü ha messo radici profonde nei cuori dei cinesi. Probabilmente la leggenda sarà sempre raccontata da una generazione all’altra.

La leggenda del festival di Qixi: Il pastore di buoi e la tessitrice

Secondo la leggenda, Zhinü, rappresentata dalla stella Vega, era una delle figlie dell’Imperatore di Giada. Annoiata dalla sua vita mondana in cielo, Zhinü discese sulla terra e sfidò le regole del cielo innamorandosi del mortale Niulang, rappresentato da Altair, la stella più luminosa della costellazione dell’Aquila.

La madre di Zhinü, la dea del cielo, scoprì presto che Zhinü aveva sposato un mortale e inviò prontamente soldati a recuperarla. I soldati fecero rapidamente il loro incarico e, tragicamente, gli amanti furono separati.

Di fronte alla sua devastante perdita, il mortale marito di Zhinü, Niulang, portò i loro due figli in paradiso alla ricerca della sua amata moglie. Quando la Dea del Cielo apprese dell’arrivo di Niulang, creò un tremendo fiume – la stessa Via Lattea – tra lui e Zhinü per separarli per l’eternità.

Mosso dall’amore della coppia, il 7° giorno del 7° mese lunare, uno stormo di bellissime gazze formò un ponte sul grande fiume celeste in modo che Niulang e Zhinü potessero incontrarsi su quello che divenne noto come il “Ponte della gazza”.

Assistendo allo svolgersi di questa scena romantica e, per la gioia degli amanti di tutto il mondo, la Dea del Cielo decise così di permettere agli innamorati di incontrarsi sul Ponte della Gazza ogni anno il 7° giorno del 7° mese lunare per sempre.

E voi? Come festeggiate San Valentino? Io vi consiglio questi tè e queste tisane che potete mettere all’interno di bellissimi cofanetti in metallo che trovate qui al Mondo di Eutepia e fare un delizioso regalo al vostro amore.