Tè e miele: la coppia perfetta

Tè e miele: la coppia perfetta

15 Condivisioni

Antichi usi del miele

I poteri terapeutici del miele non sono un segreto.

Gli egiziani applicavano principalmente il miele come unguento topico per accelerare la guarigione delle ferite. Geroglifici e prescrizioni di papiri risalenti a circa il 1700 a.C. mostrano come il miele fosse usato per proteggere le incisioni chirurgiche dalle infezioni.

I Greci lo mischiavano con acqua e vino per creare un elisir che aiutava la digestione. È stato anche mescolato con altre erbe e polveri per formare una pasta applicata agli occhi e alle orecchie per trattare il dolore e l’infezione.

Secondo la Medicina Tradizionale Cinese, il miele è una sostanza equilibrata (né “riscaldante” né “rinfrescante”) che può essere di rimedio per le indigestioni. Si pensava anche che il miele e il latte caldo alleviassero l’ansia e l’insonnia.

Gli antichi testi sanscriti descrivono anche il miele come trattamento per una serie di disturbi tra cui non solo problemi di pelle e stomaco, ma anche problemi di vista, malattie respiratorie e persino controllo della glicemia.

Perché aggiungere il miele al tè?

Potresti non voler seguire l’esempio degli Antichi e iniziare ad applicare il miele direttamente sulla tua pelle o mescolarlo con il vino, ma metterne un cucchiaio nel tè è un modo semplice e gustoso per raccogliere i benefici per la salute del miele.

Il miele è anche un’ottima alternativa allo zucchero da tavola bianco e agli edulcoranti privi di calorie che offrono pochi o nessun beneficio nutrizionale e inoltre non portano alcun sapore oltre alla dolcezza.

Le molte varietà di miele

Esistono più di 250 tipi di miele in Italia.

Sebbene tutto il miele sia prevalentemente costituito da fruttosio e glucosio, ogni varietà contiene anche aminoacidi, vitamine, minerali ed enzimi. L’esatta composizione chimica dipende dal tipo di nettare di fiori alla base del miele. Questa composizione determina anche il colore e il sapore del miele.

Sperimentiamo abbinamenti di tè e miele per scoprire nuove combinazioni di sapori: trovare il giusto abbinamento complementare può migliorare il gusto generale del tuo tè preferito.

L’astringenza e il gusto talvolta erbaceo dei tè verdi, ad esempio, possono essere tagliati da un miele più floreale, come lavanda o trifoglio. Il miele di mirtillo aggiunge anche un bel sapore complementare.

Il sapore scuro e tostato dei tè neri può essere ravvivato ed esaltato dalla nota agrumata del miele di fiori d’arancio.

Il tè bianco, già delicato, può essere facilmente travolto da sapori più forti e va abbinato ad un miele altrettanto leggero, come la varietà acacia. 

Il miele può essere abbinato bene anche ad altri gusti. L’aggiunta di miele e un pizzico di cannella al tè rooibos, ad esempio, aggiunge uno strato di calore e ricchezza che rende questa miscela una bevanda perfetta per i mesi più freddi.

Le proprietà terapeutiche del miele possono anche essere integrate o amplificate da alcuni abbinamenti. Lo zenzero, ad esempio, può aiutare a calmare il mal di stomaco, rafforzando i benefici del miele come aiuto digestivo e bilanciando la sua dolcezza con un po’ di spezie.

Usare il miele nel tè

Il miele ha un sapore più dolce dello zucchero perciò basta aggiungere un cucchiaino di miele per tazza di tè. Assicurati di aggiungere il miele dopo che le foglie hanno avuto la possibilità di macerare e l’acqua si è leggermente raffreddata.

Leggi anche: Tè Verde Cinese o Tè Verde Giapponese?

Seguici sulle nostre pagine Facebook e Instagram!