Conosci i 6 diversi tipi di tè?

Conosci i 6 diversi tipi di tè?

36 Condivisioni

Ci sono oltre 20.000 tè diversi nel mondo ma se sei interessato a conoscerli ti informo che ci sono sei tipi principali con cui vorrai iniziare le degustazioni.

Quindi mettiti comodo e preparati a imparare le varie differenze.

Il tè proviene dal cespuglio di Camellia sinensis. Qualsiasi bevanda che non è prodotta con questa pianta non è tè. Tè al lampone, tè all’ibisco, tè allo zenzero: per quanto deliziosi possano essere, vengono chiamati “tè” erroneamente.

Una breve nota sulle varietà di tè

Esistono tre principali varietà di tè commerciali: Sinensis, Assamica e Cambodiensis.

  • Sinensis è più adatto ai climi freddi rispetto alle altre varietà. Proviene dalla Cina ma lo troverai anche in Giappone, Taiwan, India e Nepal.
  • Assamica si trova principalmente in India, Sri Lanka e Africa, nonostante provenga originariamente dal sud-est asiatico.
  • Cambodiensis è comune in Cambogia e Giava, ma raramente ne consumerai una miscela pura: questa pianta è più comunemente usata negli ibridi

I 6 diversi tipi di tè

Prima di iniziare a esplorare il mondo delle varietà di tè, tuttavia, è necessario comprendere le principali categorie di tè: nero, oolong, verde, bianco, giallo e fermentato/pu’erh.

Questa è la prima domanda che un venditore di tè ti farà quando andrai a comprare il tè: che tipo di tè desideri? Le diverse categorie di tè hanno un impatto notevole sul gusto del tè e sulla temperatura di infusione ideale.

Tè nero

Il tè nero è il più ossidato di tutti i tè. Nel momento in cui le foglie vengono raccolte, iniziano ad appassire e inizia l’ossidazione. Spesso vengono poi schiacciate o arrotolate per accelerare il processo.

L’aroma è forte, è il tè più ossidato. Si consiglia una temperatura di infusione a 95/100℃. E proprio come il caffè, più alta è la temperatura, più amaro è il sapore.

Tè oolong o wulong

L’unica differenza tra il tè oolong e il tè wulong è il nome. Oolong è più riconosciuto nei paesi occidentali, wulong è più utilizzato in Cina.

Durante la preparazione, i tè con ossidazione media vengano preparati a 85℃, mentre i tè con ossidazione inferiore devono essere preparati a 80℃.

Tè verde

Il tè verde è solo leggermente ossidato. Dopo l’appassimento iniziale, le foglie devono essere riparate rapidamente. Questo tende a conferirgli un profilo più leggero e perderà anche il suo sapore molto più velocemente del tè nero o oolong.

Quindi dal modo in cui i tè verdi vengono elaborati e preparati si hanno diverse categorie come sencha, matcha, longjing e bilochun.

Il matcha, che viene macinato in polvere, è forse il tè verde più conosciuto. La categoria di tè verde più pregiata del Giappone e viene macinata in polvere. Viene consumato nella tradizionale cerimonia del tè giapponese.

Ali consiglia di preparare il tè verde cinese a 75℃, ma il tè verde giapponese a 65℃.

Tè giallo

Il tè giallo è un tipo di tè prodotto in Cina, simile al tè verde. Le foglie vengono avvolte in un panno che permette una seconda ossidazione leggera. Quindi vengono essiccate lentamente.

Si consiglia di lasciarlo in infusione da uno a tre minuti in acqua a 170/180°C.

Tè bianco

Il tè bianco è spesso descritto come non ossidato, ma ciò non è accurato poiché l’esposizione all’aria provocherà sempre una certa ossidazione. È prodotto principalmente con i giovani germogli della pianta del tè, che sono ancora ricoperti di peli bianchi. Questo è ciò che dà il nome al tè.

Il sapore è il più leggero di tutti i tipi di tè ed è spesso descritto come il più complesso e sottile. Può essere fruttato e floreale.

Tè fermentato e pu’erh

L’ossidazione viene talvolta definita fermentazione, ma non è accurata. Esiste solo una categoria di foglie di tè fermentate, la più famosa delle quali è il Pu’erh cinese.

Questi tè vengono fermentati dopo l’ossidazione e il fissaggio. Ciò significa anche che puoi lasciare invecchiare le foglie, proprio come con il vino.

Tieni presente che questo è diverso dal Kombucha, che viene fermentato dopo che il tè è già stato preparato.

Proprio come con il caffè, non esistono due tè uguali. La varietà, il terroir, la produzione, la lavorazione e la preparazione hanno tutti un impatto sul sapore finale della tazza. Tuttavia, se vuoi saperne di più su tè speciale, inizia provando questi sei diversi tipi. I loro diversi profili ti faranno conoscere l’ampia varietà che questa bevanda ha da offrire.

Leggi anche: Depuriamoci con le tisane

Seguici sulle nostre pagine Facebook e Instagram!