You are currently viewing Tisane con le spezie

Tisane con le spezie

0 Condivisioni

Le tisane con le spezie sono fantastiche da preparare in casa e da assaporare nelle fredde sere invernali. Oltre a offrire calore e conforto nelle lunghe sere invernali, permettono di reidratarsi in una stagione in cui si tende ad avvertire meno la sete e quindi a bere di meno.

Vediamone alcune!

Bacche di ginepro

Etimologia: l’etimologia del termine ginepro è incerta, probabilmente deriva dall’unione di due parole: «gen» che deriva dal celtico e significa cespuglio e «prus» che deriva invece dal latino e significa aspro. Il suo nome latino «juniperus» è composto dalle parole «iuvenis» (giovane) e «pareo» (apparire).

Si pensa che le bacche di ginepro siano l’unica spezia che proviene da una conifera (piante con semi di coni) e da un clima freddo. Crescono su un piccolo arbusto di ginepro comune in tutto l’emisfero settentrionale e sono un ingrediente principale del gin. I semi possono impiegare tre anni per maturare e diventare blu quando sono abbastanza maturi per essere raccolti. Il sapore aromatico con il suo accento dolce è popolare nelle cucine europee. Negli Stati Uniti la bacca di ginepro si trova frequentemente in marinate, salamoie, ripieni e salse.

Proprietà: le bacche di ginepro o l’estratto della pianta sono stati tradizionalmente usati come diuretici, antiartritici, antidiabetici e antisettici nonché per il trattamento di disturbi gastrointestinali e autoimmuni.

Tisana dell’orto

Chiodi di garofano

Etimologia: i chiodi di garofano sono i boccioli dei fiori essiccati e ancora chiusi dell‘albero di chiodi di garofano Syzygium aromaticum. Uno spicchio è costituito da un gambo lungo circa 1 cm, con il bocciolo in cima, che ha un diametro di circa 3 mm.

Agrumati e fruttati, con un sapore che ricorda la cannella e il pepe, i chiodi di garofano sono una spezia indimenticabile. Il loro aroma è caldo e deciso con un’essenza di pino che fluttua intorno alla parte superiore della spezia e sfumature pepate. I chiodi di garofano sono ricchi di oli essenziali e sono spesso separati dallo stelo e dalla foglia mentre il bocciolo è il prodotto più desiderabile.

Gli arboricoltori ritengono che il chiodo di garofano più antico del mondo, che i locali hanno chiamato “Afo”, abbia tra i 350 ei 400 anni e si trovi sull’isola di Ternate. Al culmine delle guerre delle spezie marittime nel XV e XVII secolo, i chiodi di garofano venivano scambiati in modo molto simile all’olio di oggi; con un rigoroso limite alla quantità disponibile per l’esportazione al fine di mantenere alti i prezzi. Nel 1652 la Compagnia Olandese delle Indie Orientali intraprese una politica di “estirpazione” e qualsiasi albero di chiodi di garofano che non possedeva fu raso al suolo. In qualche modo, e non è chiaro come, Afo è sopravvissuto a questo. Il Regno dei Paesi Bassi mantenne il controllo impenetrabile degli alberi di chiodi di garofano indonesiani fino al 1770, quando un francese di nome Pierre Poivre rubò le piantine di chiodi di garofano e le portò di nascosto a Zanzibar, rompendo la morsa che i Paesi Bassi avevano sulla produzione di chiodi di garofano.

Proprietà: ichiodi di garofano hanno proprietà anestetiche locali e analgesiche, per questo venivano usati in passato come rimedio naturale contro il mal di denti e ancora oggi sono presenti nella composizione di molti disinfettanti orali. Stimolano la circolazione sanguigna, aiutano a vincere la spossatezza, il mal di testa e la perdita di memoria, sono digestivi e tonificanti.

Inverno speziato