You are currently viewing Storia del calendario dell’Avvento

Storia del calendario dell’Avvento

0 Condivisioni

Non hai bisogno di un calendario dell’Avvento per sapere che il Natale sta arrivando, ma aprire una porticina numerata per rivelare un premio è un’idea che tutti, religiosi e non, possono accettare.

Un calendario dell’Avvento è un calendario molto speciale utilizzato per il conto alla rovescia fino al 25 dicembre: la celebrazione della nascita di Gesù.

Alcuni calendari dell’Avvento sono semplici e rivelano un’immagine di una parte della storia della natività dietro ogni piccola porta. Alcuni calendari presentano un pezzo di cioccolato per ogni giorno del conto alla rovescia. Alcuni sono più elaborati e costosi e includono giocattoli o regali.

Il calendario di solito ha 24 porte o scatole da aprire, una per ogni giorno di dicembre che precede il giorno di Natale.

Che cos’è l’avvento?

L’Avvento è il periodo di quattro settimane che inizia la domenica più vicina alla festa di Sant’Andrea Apostolo (30 novembre) fino alle tre domeniche successive. Gli storici stimano che l’Avvento sia stato celebrato fin dal IV secolo. In origine, il periodo era un momento in cui i convertiti al cristianesimo si preparavano per il battesimo, ma ora è più comunemente associato all’anticipazione dell’anniversario della nascita di Cristo il 25 dicembre.

Le origini del calendario dell’avvento

I calendari dell’Avvento in genere non seguono il periodo dell’Avvento descritto sopra. Invece, iniziano il 1 dicembre e segnano i 24 giorni prima di Natale. Oggi, la maggior parte dei calendari dell’Avvento include porte di carta che si aprono per rivelare un’immagine, un versetto della Bibbia o un pezzo di cioccolato. La tradizione risale alla metà del XIX secolo, quando i protestanti tedeschi tracciavano segni di gesso sulle porte o accendevano candele per contare i giorni che precedevano il Natale.

I primi calendari dell’avvento stampati

Gerhard Lang è ampiamente considerato il produttore del primo calendario dell’Avvento stampato nei primi anni del 1900.

Nello stesso periodo, un giornale tedesco ha incluso un inserto del calendario dell’Avvento come regalo per i suoi lettori. Il calendario di Lang è stato ispirato da quello che sua madre aveva realizzato per lui e presentava 24 immagini colorate attaccate a un pezzo di cartone. Lang ha modificato i suoi calendari per includere le piccole porte che oggi sono un punto fermo della maggior parte dei calendari dell’Avvento e sono diventati un successo commerciale in Germania. La produzione si fermò a causa di una carenza di cartone durante la seconda guerra mondiale, ma riprese subito dopo, con Richard Sellmer che emerse come il principale produttore di calendari dell’Avvento commerciali.

Dwight D. Eisenhower è spesso accreditato per la proliferazione della tradizione del calendario dell’Avvento negli Stati Uniti. Durante la sua presidenza, Eisenhower è stato fotografato mentre apriva un calendario dell’Avvento con i suoi nipoti e la foto è apparsa su diversi giornali nazionali.

Anche noi al Mondo di Eutepia prepariamo il Calendario dell’avvento con biglietti e scritte di buoni propositi più bustine di tè fatte da noi! Un biglietto e una bustina per ogni giorno fino a Natale!

Leggi anche: 7 benefici per la salute del tè Darjeeling

Seguici sulle nostre pagine Facebook e Instagram!